lunedì 20 ottobre 2014

A million ways to die in the west

Seth McFarlane è il nuovo guru della commedia americana: paradossale, ironico e graffiante. Le sue creazioni, su tutti i Griffin (Family Guy), fanno satira della società in cui viviamo oggi. Si potrebbe dire che è una via di mezzo tra i Simpson e South Park: da una parte, infatti, è più volgare e offensivo del cartone con gli omini giali, dall'altra non è così cattivo e tagliente come i 4 bambini che vivono nel Colorado, che lo hanno anche preso di mira per le sue battute senza senso (gli autori dei Griffin sarebbero dei lamantini).
Ci sono voluti all'incirca dieci anni e Seth McFarlane è diventato, insieme a Seth Rogen e alla "Apatow Factory", uno dei volti più rappresentativi della commedia americana con il suo umorismo moderno e attuale. "Ted", il film sull'orsacchiotto sboccato e irriverente, è stata la sua consacrazione anche sul grande schermo, nonostante io sia rimasta un po' delusa: era sì esilarante, ma la trama mi era sembrata un po' debole.
In attesa dell'sucita di Ted 2, Seth McFarlane ha girato il suo personale omaggio ai film western: "A million ways to die in the West"( un millione di modi per morire nel far West).
Questa volta appare in carne ed ossa e interpreta il brillante imbranato Albert Stark (omaggio a Game of Thrones? D'altronde stava con Emilia Clarke...) che, mollato dalla bella e superficiale Louise (Amanda Seyfried), si ritrova protagonista di una serie di sfighe.
Un giorno però arriva in città Anna (Charlize Theron), una misteriosa forestiera, con cui fa subito amicizia e che lo aiuterà a risolvere i guai in cui si è ritrovato, come l'essersi fatto involontariamente come nemico il temibile Clinch (Liam Neeson). Insieme ad Anna, Albert comincerà il viaggio alla ricerca di se stesso, per capire se è molto più di uno scarso allevatore di pecore. Incontrerà indiani, cani, fuorilegge. Insomma, la sua vita sarà completamente stravolta affrontando situazioni abbastanza paradossali.
Non partivo con grandi aspettative per questo film, il trailer non mi aveva entusiasmato e gli stessi Griffin non sono più divertenti come un tempo. In America è stato un flop ed effettivamente, anche io l'ho trovato una grande delusione.
Forse si doveva chiamare un milione di modi per uccidere buoni spunti, perchè quelli ci sono. Alcune trovate sono geniali come, ad esempio, la strana coppia formata dal migliore amico di Albert (Giovanni Ribisi) e la prostituta Ruth (Sarah Silverman) in attesa delle nozze per poter consumare, oppure la storia sui baffi e sul fatto che la gente muore in un sacco di modi improbabili alla fiera del paese. Tuttavia, sono spunti che però rimangono in sospeso, fini a se stessi e per quanto facciano ridere, la lacrima non scende mai.
Secondo me, quindi, questo film mette in luce il problema principale di Seth McFarlane con i lungometraggi: la trama. Quando si tratta di scrivere un episodio dei Griffin, di venti minuti, è sicuramente più semplice pensare ad una serie di battute che facciano ridere, senza soffermarsi particolarmente sullo scorrimento della storia. La stessa cosa purtroppo non si può fare in un film e un minimo di ragionamento sul susseguirsi degli eventi è necessario. Questo non significa che A million ways to die in the west sia un film senza senso. Il suo filo logico ce l'ha assolutamente, è che rimane troppo debole per tutto il tempo, evitando di rendere simpatici i protagonisti. Albert e Anna, infatti,  sono fin troppo seri e dotati di troppo buon senso, mentre, invece, Giovanni Ribisi e Sarah Silverman, assolutamente folli, sì che sono esilaranti.  
Insomma, penso ad un Pineapple Express o a Una notte da leoni, dove c'erano sì battute e
gag, ma si trattava di tutta la situazione eccezionale in cui si trovavano i personaggi, che rendeva esilarante il risultato.
Un altro problema della pellicola è l'eccessiva durata, che rende ancora più pesante la visione.
Peccato, perchè è evidente che il cast si è divertito a realizzarlo e forse per questo motivo il risultato è così scadente. Bisognava forse cazzarare di meno.

Voto 5/10

Ti potrebbero interessare:
- Ted
- Django Unchained
- Ritorno al futuro
- Tre uomini e una pecora
- Pineapple Express