martedì 14 ottobre 2014

Le nuove serie "girly"

Raga tranquilli, questa è la nostra serata
Sto preparando un post di quelli seri e per prendere un po' di fiato, ho deciso di parlare di alcune nuove serie di quelle che mandano in sollucchero le femminucce. Insomma, quei serial molto "girly", come direbbero gli inglesi.
Di recente, ho letto un articolo che diceva che nella realtà le commedie romantiche rovinano le relazioni, perchè spesso le donne si creano delle aspettative troppo irrealistiche sugli uomini e il loro destino è rimanere single in attesa dell'uomo dei sogni. Ritorniamo, quindi, un po' al discorso del post precedente (http://cinefilamanontroppo.blogspot.it/2014/10/alla-ricerca-di-jane.html): esiste nella realtà Mr Darcy? Ma poi, mi chiedo, perchè questo personaggio deve essere l'uomo dei sogni? Insomma, è scorbutico, arrogante, imbranato, ci sarà pur di meglio in giro. Mi sbaglio? Perchè spesso le donne si fasciano la testa pensando a personaggi fittizzi distorcendo la realtà? E perchè sto parlando come Giacobbo che incontra Carrie Bradshaw?
Torniamo alle serie, quelle di cui sto per parlare sono appena iniziate e quindi è ancora presto per giudicare la loro qualità, però sono sicura che la fascia femminile dai quindici anni in su apprezzerà.


Partiamo dal tanto criticato Selfie, in onda sulla ABC. Il titolo effettivamente non è molto appetibile, così come la locandina. Il selfie telefilm è una sorta di riadattamento moderno di My fair Lady. Eliza (Karen Gillan) è una ragazza un po' tamarra e poco aggraziata che passa le giornate a postare sui social. E' una vera digital-obsessed e il suo mondo fatto di certezze fasulle crolla quando si rende conto di non avere neanche un amico. Decide allora di cambiare la sua vita e chiede l'aiuto di Henry, un suo collega più grandicello(John Cho), specializzato nel ricreare l'immagine di prodotti controversi. L'obiettivo è quindi quello di rifarsi un'immagine, per trovare così nuovi amici e per farsi prendere seriamente dalle persone, che la consideranno una stupida. A fare da contorno ci sono personaggi che per ora non sono molto simpatici come la vicina hipster e le sue amiche del club del libro e la segretaria di colore come al solito cicciona e chiacchierona.
Ci vorranno svariate puntate per vedere se Eliza riuscirà a cambiare e poi sono abbastanza sicura di una liason tra i due protagonisti. Finora è abbastanza carino e non cade ancora in troppe smancerie, anche se non siamo sui livelli di un Apartment 23 (terminato troppo presto) o di un 2 Broke Girls. Un piccolo passo avanti è che non ci sono le irritantissime risate registrate. Voto 6


Proseguiamo la rassegna con "Manhattan Love Story", il serial dal titolo più spoileroso della storia. Anche questo è trasmesso dalla ABC e guardacaso va in onda proprio dopo Selfie.
L'aspetto originale è che possiamo sentire i pensieri dei protagonisti, mentre pian piano si conoscono.
Lei è Annaleigh Tipton, ex America's next model, già vista nei piacevoli Crazy, Stupid Love e Damsel in distress, dimostrando che se la cava molto meglio con la recitazione che con le sfilate. Qui interpreta una ragazza che si è appena trasferita nella grande mela per lavorare. Vive a casa della sua migliore amica del college e di suo marito e su loro insistenza accetta l'appuntamento al buio con il fratello di lui, David, il carino e molto americano Jake McDorman, che onestamente non ho mai visto prima. Le  cose non vanno molto bene. Lui si rivela un coglione e successivamente non fa niente per migliorare la sua posizione e lei, inoltre, ci mette comunque del suo. Insomma, vediamo questi due imbranati imparare a conoscersi e ad apprezzarsi. Come già detto, sappiamo già come andrà a finire grazie al titolo. La trama non è niente di originale, ma è piacevole e i due protagonisti sono abbastanza affiatati e lei può candidarsi
come prossima fidanzatina d'America. Voto 6/7


Concludiamo con la nuova soap opera di Mtv, " Happyland". I protagonisti ovviamente sono adolescenti e le loro vite girano attorno a Happyland, parco divertimenti tipo Disneyland, a cui immagino si ispiri. La storia si concentra su Lucy, una teen chica, che vive con la chica mamma. Entrambe lavorano al parco e lei spera di lasciare casa sua e andare al college per affermarsi e cambiare la sua vita. Le cose ovviamente si complicano con l'arrivo del bello di turno, Ian, (se per bello s'intende avere la tartaruga), con cui Lucy ha subito feeling. Peccato che si scopra che il bello di turno sia il suo fratellastro. Dadadada. Primo piano stile Beautiful. Lucy, infatti, è il frutto della tresca clandestina tra sua madre e il capo del parco, che è anche papà di Ian. Come se non bastasse, si aggiungono il suo migliore amico, che proprio come lei è cresciuto senza un genitore e la sua ragazza ricca, che teme che un giorno la molli per mettersi con Lucy. Insomma abbiamo tutte le carte in regola per creare una soap trash latina. La recitazione è abbastanza pessima e la protagonista è abbastanza insopportabile. Siamo sulla strada giusta (?)Vedremo. Voto 4